Herbolaire Estense o Grant Herbier

Est. 28 = alfa M. 5. 9       

Modena, Biblioteca Estense Universitaria

 


Descrizione immagine

Herbolaire Estense

Herbolaire Estense o Grant Herbier

Est. 28 = alfa M. 5. 9  

Modena, Biblioteca Estense Universitaria



copia anastatica con commentario
Descrizione immagine

Riproduzione in facsimile dell' Herbolaire Estense o Grant Herbier.   


E' il più raffinato dei due erbari manoscritti del XV secolo conservati presso la Biblioteca Estense Universitaria di Modena (l’altro è il Tractatus de Herbis).


La scritta presente nella prima carta di guardia: Livre des simplex a mons. D’Urfè, indica uno dei possessori del codice; un’altra nota di possesso, il nome Jehan Duboys, è scritta sull’ultimo foglio da mano posteriore all’epoca del manoscritto. La preziosità di questo codice, tuttavia, sancisce la sicura committenza ed appartenenza ad altri illustri personaggi.


Il testo, in carettere gotico bastardo e lingua francese, contiene la traduzione anonima di uno dei più importanti libri di medicina di epoca medioevale, attribuito a Plateario, medico della Scuola Salernitana.


Le miniature, riconducibili ad un’unica raffinatissima mano, denotano una notevole verosomiglianza rispetto alla realtà, soprattutto per quanto riguarda le erbe.


I semplici, piante e rimedi medicali, di cui l’autore tratta sono circa 500, disposti in ordine alfabetico sulla base della lettera iniziale.



CARATTERISTICHE TECNICHE


Formato cm. 20 x 28.

340 pagine riccamente miniate e dorate in oro a 23ct, con immagini a profusione di piante, erbe, fiori, animali e scene di lavoro agricolo.

La legatura, particolarmente pregiata, è in pelle con riquadri a secco sui piatti mentre il dorso è arricchito dalla presenza di nervetti a rilievo e dal fregio della Biblioteca Estense realizzato in oro a caldo. Essa venne fatta realizzare sotto la direzione di Girolamo Tiraboschi.

Indorsatura eseguita con strumenti del ‘700, anche con recuperi di antiche carte.

Tiratura limitata a 499 esemplari.